Registrati
HomeL'Istituzione /  Il Fondatore e Rettore Presidente
Il Presidente PDF Stampa E-mail

Nato ad Anagni, da Renato e Lea Zegretti, dove tutt’ora risiede. Frequenta da piccolo la scuola materna e il doposcuola delle Suore Cistercensi della Carità, attiguo al Palazzo Bonifacio VIII, successivamente la scuola Elementare del II Circolo didattico e la Scuola Media Annessa all’Istituto d’Arte di Anagni. Dopo essersi diplomato presso l’Istituto Magistrale Statale “Regina Margherita” della sua città, ha conseguito il corso integrativo nello stesso Istituto. Dal 25 novembre 1992 è iscritto all’Ordine Nazionale dei Giornalisti di Roma - Ordine Interregionale del Lazio e Molise. Dal marzo 2006 ha conseguito presso l'Agustinianum di Roma, il Diploma per Istruire le Cause dei Santi (Postulatore), organizzato dalla Congregazione delle Cause dei Santi (XXII studium) in Vaticano. Il 10 aprile 2006, dalla Congregazione delle Cause dei Santi in Vaticano è stato nominato, su proposta della Superiora Generale delle Suore Cistercensi della Carità, madre Carmela Rostirolla, Postulatore della Causa di Beatificazione e di Canonizzazione della Serva di Dio Suor Claudia De Angelis della Croce, fondatrice della medesima istituzione. E’ membro di numerosi sodalizi culturali, tra cui: l’Associazione Nazionale Carabinieri (Socio benemerito), l’Associazione Culturale “Paolo Borsellino”, “Jacques Maritain” e “Papa Luciani”. E’ attualmente Direttore Responsabile della Rivista “Il Bonifacio”, periodico dell’Accademia Bonifaciana di Anagni; “Albatros”, periodico di informazione e cultura e di “A.S.M.O.” notiziario informativo dell’Associazione per la solidarietà medica ed odontoiatrica. E’ stato collaboratore e corrispondente del quotidiano “La Provincia” e Addetto Stampa del Comune di Anagni dal 2004 al 2008. E’ stato collaboratore esterno de “L’Osservatore Romano” (1993), “Il Carabiniere”(dal 1996), “Dimensione Uomo”, “Papa Luciani-Humilitas”, “Ciociaria Oggi” e “Il Corriere di Frosinone”. Per ben quindici volte è stato ricevuto in udienza dal Santo Padre Giovanni Paolo II di felice memoria; ha incontrato in occasioni diverse il Sommo Pontefice Benedetto XVI (anche da Cardinale) ed i Presidenti della Repubblica Francesco Cossiga, Oscar Luigi Scalfaro e Carlo Azeglio Ciampi e del Consiglio dei Ministri Giulio Andreotti, Lamberto Dini e Romano Prodi. E’ autore della biografia di Albino Luciani Giovanni Paolo I “Papa suo malgrado, ma convinto”, presentata dagli autorevoli ed Eminentissimi Cardinali  Vincenzo Fagiolo ed Edoardo Gagnon e dai Presuli Luigi Belloli, Crescenzio Sepe, Maffeo Ducoli ed Eugenio Ravignani, nonché dal fratello del Pontefice Edoardo Luciani. E’ accademico d’onore della prestigiosa Accademia del Fiorino di Prato, vincendo il concorso europeo “Il Presidente della Repubblica” con la biografia suddetta e Accademico di Merito – Sezione Letteratura dell’Accademia Universale “Federico II di Svevia” di Corato (Bari), che nel 2003 gli ha attribuito il Premio Apulia. Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana  (dal 2 giugno 2008 decreto firmato dal Presidente della Repubblica Napolitano e dal Presidente del Consiglio dei Ministri Berlusconi) è risultato tra i più giovani insigniti d’Italia; Cavaliere di Merito del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio (ramo di Spagna),  ha ricevuto il Premio Internazionale “Gold Hercules” dei Cavalieri, per la sua attività giornalistica. Ha preso la Palma d’alloro Accademico e la dignità di membro pregiato dell’Università del Corea, dal Rettore Magnifico e in considerazione dei suoi meriti, dall’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme ha ottenuto l’attestato di benemerenza ed è in corso l’istruttoria per il conferimento equestre. In occasione del decimo anniversario dalla morte del Gen. Carlo Alberto Dalla Chiesa, ha organizzato una solenne cerimonia in suo onore, alla presenza di notevoli Autorità dello Stato come il Gen. Sen. Umberto Cappuzzo, il figlio Nando Dalla Chiesa, ecc… e successivamente per la Medaglia d’Oro al valor militare Salvo D’Acquisto, alla presenza del fratello Alessandro e del Gen. Umberto Rocca, medaglia d’oro vivente. Dal 1993 al 1997 è stato addetto stampa e cerimoniere del grande maestro e scultore Tommaso Gismondi, Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al Merito della Repubblica, collaborando alla stesura e all’organizzazione della presentazione della monografia dello stesso artista “La scultura…nella vita”, nonché ai festeggiamenti dei genetliaci del maestro, fino al 90° (1996).  Nel campo dell’arte sta svolgendo, fin dal 1992, la sua attività pubblicistica in particolare con lo scultore Egidio Ambrosetti, considerato l’erede del già citato maestro Gismondi, realizzando articoli e critiche, nonché la cura della sua Monografia “Il poeta del bronzo” edito nel 2004. Nel corso della sua attività giornalistica ha incontrato ed intervistato numerosi personaggi del mondo ecclesiastico, militare, politico, civile e dello spettacolo. E’ stato nominato socio onorario della Federazione Volontari Radio Soccorso Protezione Civile ed Ambientale, dell’Associazione Multisettoriale Euroafi Codacons e dell’Associazione Regionale Volontari Assistenza Sanitaria. E’ stato membro del Comitato per l’VIII centenario della nascita di Santa Chiara d’Assisi e del Comitato esecutivo per la beatificazione di Sr Raffaella Cimatti delle Suore ospedaliere della Misericordia. L’8 dicembre 1996 è stato eletto primo Priore della ricostituita Confraternita del SS.mo Sacramento e di San Magno della Basilica Cattedrale di Anagni, con decreto vescovile di S.E. Mons. Luigi Belloli (carica che ha mantenuto fino a luglio 2010), e dallo stesso Presule è stato altresì nominato Ministro Straordinario dell’Eucarestia, nomine quest’ultime ratificate dai successori Mons. Francesco Lambiasi e Mons. Lorenzo Loppa. Nel 2003 è stato eletto membro del Coordinamento Diocesano delle Confraternite della Diocesi di Anagni-Alatri e Delegato degli stessi sodalizi a rappresentare la città di Anagni. Da S.E. Mons. Armando Brambilla, Delegato Nazionale della Cei per i Pii Sodalizi e le Confraternite, è stato altresì nominato, su proposta del Coordinatore del Lazio, membro del Coordinamento Regionale della Confederazione Nazionale delle Confraternite con Delega ai Rapporti con la Stampa e l’Informazione. Educatore ed insegnante supplente presso il Convitto Nazionale Regina Margherita di Anagni, ha curato diverse pubblicazioni culturali e sillogi poetiche e ha tenuto corsi di giornalismo agli alunni di scuole medie inferiori e superiori. Ha fondato ed è Presidente dell’Accademia Bonifaciana, Associazione Culturale Onlus, costituendo altresì l’omonimo Premio Internazionale Bonifacio VIII ed il primo esemplare, il 1° ottobre 2003, è stato consegnato a Sua Santità Giovanni Paolo II. Sta ultimando due opere monografiche, una sulla figura ed il ministero del Beato Giovanni Paolo II e l’altra sull’eroe dell’Arma dei Carabinieri Salvo D’Acquisto.

IL PRESIDENTE DA PAPA BENEDETTO XVI

Nel giorno dell’Epifania del Signore 2006, il Papa ha invi­tato la Chiesa a far ri­splendere nel mondo la luce di Cristo mediante la testimonianza dell’amore. Benedetto XVI ha cele­brato la Messa nella Basi­lica Vaticana: tra pochissimi fortunati ammessi a ricevere la Comunione dal Santo Padre, un anagnino, il Presidente dell’Accademia Bonifaciana Sante De Angelis, che ancora emozionato, ci ha dichiarato: “Anche se avevo avuto modo di conoscere l’allora Card. Ratzinger, in diverse occasioni e di aver incontrato quattordici volte Giovanni Paolo II, di venerata memoria, devo dire che mentre pian piano mi avvicinavo a Papa Benedetto, per ricevere da lui l’Eucarestia, ero emozionantissimo e allo stesso tempo consapevole dell’alto onore che mi era stato riservato”.  “E’ stata una celebrazione solenne – ha continuato De Angelis – indimenticabile dal punto di vista personale, è stata la prima volta che ho incontrato questo Papa da vicino e le sue parole, pronunciate nell’omelia, rimarranno sempre nel mio cuore: l’Epifania, un “mistero di luce, simboli­camente indicata dalla stella che guidò il viaggio dei Magi”. Ma “la vera sorgente luminosa, il sole che sorge dall’alto è “Cri­sto che si irradia sulla ter­ra, diffondendosi come a cerchi concentrici”, a par­tire dai più poveri. La Luce - ha proseguito il Papa - “è l’amore di Dio, rivelato nella Persona del Verbo incarnato”. Questa Luce ha una forza di attra­zione perché Dio “tutto e tutti attira a sé”. Cristo “è la meta finale della storia, il punto fermo di un prov­videnziale cammino di re­denzione, che culmina nel­la sua morte e risurrezio­ne”. Ma la manifestazione di Dio mette in crisi i nostri criteri e ha bisogno che il cuore dell’uomo sia “docile, totalmente disponibile, per essere visibile». Un evento da ricordare per il giovane Sante De Angelis, Presidente dell’Accademia Bonifaciana di Anagni, che a quanto sembra è il primo anagnino, se non della Ciociaria, ad avere avuto questo singolare privilegio di incontrare in modo così ravvicinato Papa Joseph Ratzinger, che con la città ha avuto sempre un rapporto di ammirazione, tanto, che da Cardinale, in diverse occasioni, anche officiose è venuto a visitare.

SANTE DE ANGELIS CAVALIERE DELL'ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA

Il Presidente dell’Accademia Bonifaciana di Anagni e giornalista Sante De Angelis, su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri On. Silvio Berlusconi, con Decreto del Presidente della Repubblica Sen. Giorgio Napolitano, in data 2 giugno 2008, è stato insignito della distinzione onorifica di Cavaliere dell’ Ordine al Merito della Repubblica Italiana. A comunicarlo in forma ufficiale con lettera prot. 338942 – 10283/2008 è stato il Direttore dell’ Ufficio Onorificenze ed Araldica della Presidenza del Consiglio dei Ministri Cons. Ilva Sapora al Capo del Dipartimento del Cerimoniale di Stato Dottor Massimo Sgrelli.Una soddisfazione ed un onore per De Angelis, che nel minimo dell’età prevista, si può fregiare del titolo di Cavaliere della Repubblica Italiana. “So di essere uno dei Cavalieri più giovani d’Italia e questo mi riempie di orgoglio e di gioia – ci ha dichiarato De Angelis - vorrei cogliere questa occasione per esprimere la più profonda gratitudine al Signor Presidente della Repubblica Napolitano (in foto), all’ex Presidente del Consiglio Prodi, la cui istruttoria è iniziata sotto il suo Governo, al Premier Berlusconi e al Prefetto della Provincia di Frosinone Cesari.  Questa distinzione onorifica è per me un onore ed un privilegio, che mi giunge proprio nell’anno dei festeggiamenti per il60mo anniversario della nascita della Costituzione, motivo, questo, che mi invoglia ancor più a lavorare per il bene comune e per la divulgazione della cultura e dei valori della concordia e della pace, in particolare con l’Accademia Bonifaciana e con l’istituzione del Premio Internazionale Bonifacio VIII”.  La consegna ufficiale del Diploma e del distintivo è avvenuta il 27 gennaio 2009, da parte del Prefetto della Provincia di Frosinone S.E. dottor Piero Cesari, insieme agli altri insigniti della Ciociaria.

Il neo Cavaliere era accompagnato dal Commissario straordinario del Comune di Anagni, Dott. Ernesto Raio, che tra l'altra ha dichiarato: “Caro Cavalier De Angelis, lei è l’orgoglio della nostra città di Anagni, le formulo a nome dell’Amministrazione Commissariale sincere felicitazioni per la meritatissima onorificenza che il Capo dello Stato le ha concesso. Questo giorno, rimarrà come un gradito ricordo di questa esperienza di Commissario Straordinario del Comune di Anagni… sono stato lieto di affiancarla nel momento in cui Sua Eccellenza il Prefetto Piero Cesari, le ha consegnato il diploma ufficiale di conferimento di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana che annualmente concede per  ricompensare benemerenze acquisite verso la Nazione nel campo delle lettere, delle arti, della economia e nel disimpegno di pubbliche cariche e di attività svolte a fini sociali, filantropici ed umanitari, nonché per lunghi e segnalati servizi nelle carriere civili e militari. Un conferimento che la deve rendere fiero, ma allo stesso tempo consapevole che questo onore è un motivo in più, per dare sempre di più ad Anagni, alla Ciociaria e all’Italia. Sono sicuro, che i suoi concittadini sono orgogliosi di lei e di tutto ciò che attraverso la sua attività ed in particolare con l’ormai prestigiosa Accademia Bonifaciana svolge da anni, dando lustro a livello internazionale alla nostra bella Città dei Papi, alla sua storia, alle sue millenarie tradizioni e monumenti. Solo per fare un piccolo esempio, l’ultima edizione del Premio Internazionale Bonifacio VIII, ha portato ad Anagni ben 18 Ambasciatori accreditati presso la Santa Sede, il Cardinale Giovanni Lajolo e Istituzioni civili, religiose e militari della nostra Repubblica! Anche questo, caro Cavaliere, significa contribuire in modo fattivo e serio a lavorare per il bene comune e per la divulgazione della cultura e dei valori della concordia e della pace, valori che lei riesce a trasmettere, come ho notato in più di qualche occasione, specialmente ai giovani. Sono rimasto, infatti, favorevolmente impressionato dall’atmosfera di giovinezza che aleggia nella Bonifaciana, che è tutta in mano ai giovani. Trovo questo protagonismo giovanile in campo culturale esaltante e fonte di ottimismo per il futuro di Anagni e dell’Italia”.

Soddisfatto, emozionato ed orgoglioso il neo insignito: “Una giornata indimenticabile sotto il profilo dell’emozione e della soddisfazione, ma soprattutto della responsabilità, si, della responsabilità, perché come ci ha detto il Prefetto Cesari, queste onorificenze al merito della Repubblica, sono state concesse a cittadini che con il loro operare quotidiano hanno onorato i valori della nostra Costituzione…siamo stati onorati e oggi ci sentiamo onorati, ma dobbiamo continuare ad onorare con il nostro impegno, con il nostro esemplare comportamento, con l’intelligente rispetto delle regole, con il senso dello Stato, che è senso dell’interesse generale, il nostro cammino e a servire le Istituzioni democratiche e la gente di questo meraviglioso Paese. Grazie cara Eccellenza Cesari, per le parole sentite che ci ha rivolto, con la speranza di poterle mettere in pratica – ci ha dichiarato De Angelis -  un grazie deferente anche al Commissario Straordinario Raio, per la sua vicinanza e per gli auguri che si è sentito di rivolgermi a nome della Città di Anagni, che al momento rappresenta, così come ad alcuni rappresentanti di Partiti Politici o di Associazioni culturali e religiose e ai tanti miei concittadini che in qualsiasi modo e forma, mi hanno manifestato la loro vicinanza ed affetto!” .

Condividi
 

Foto Gallery

Vita Accademica

L’Accademia Bonifaciana ha presentato “Jubilate Deo”, concerto con la “Bulgarian Chamber Orchestra Orpheus”, per l’apertura dell’Anno Santo della Misericordia al “Principe di Piemonte” di Anagni

 

In occasione dell'apertura dell’ Anno Santo della Misericordia l’Accademia Bonifaciana ha presentato “Jubilate Deo” Concerto tenuto dalla prestigiosa Bulgarian Chamber Orchestra "Orpheus", che si è svolto nella splendida cornice della Chiesa di San Pietro in Vineis  del Convitto Principe di Piemonte di Anagni messo gentilmente a disposizione dalla Dirigenza Inps, lo scorso mercoledì, 9 dicembre 2015.
Condividi
Leggi tutto...

News

XII Corteo. Bulla a Cerchio (AQ)


Nel Comune marsicano di Cerchio, in provincia di L’Aquila, si è svolto nei giorni scorsi, il XII Corteo Storico che ha rievocato la “Bulla Indulgentiarum” di Bonifacio VIII (1300). Sono stati presenti all’evento – organizzata con precisione dall’Amministrazione Comunale cerchiese – i due Vice Presidenti del Consiglio della Regione Abruzzo,  il Presidente della Provincia aquilana Stefania Pezzopane, il Vicario Generale della Diocesi dei Marsi mons. Domenico Ramelli ed oltre trenta delegazioni di Comuni con rispettivi Gonfaloni. Tra gli interventi previsti ed attesi, quello del Presidente dell’Accademia Bonifaciana di Anagni Cav. Sante De Angelis, che ha partecipato all’evento, insieme al Gonfalone della Città dei Papi, con la Polizia Municipale ed il Vice Commissario Prefettizio dr Marcello Zottola.
Condividi
Leggi tutto...

Utenti on line

 14 visitatori online
un_lasapienza_roma

universitacassino_fr

150 anni unita_italia

stato maggiore difesa_italiana

stato maggiore della difesa

ordinariato Militare_Italia

ordine_costantiniano

unifil

operaPadrePio

 

istituto

Ultime foto inserite

Vedi le foto
Vedi le foto
Vedi le foto
Vedi le foto
Vedi le foto
Vedi le foto
Vedi le foto
Vedi le foto
Vedi le foto
Vedi le foto
Vedi le foto
Vedi le foto
Vedi le foto
Vedi le foto
Vedi le foto

la Nostra Sede

L'Accademia Bonifaciana, ha sede presso il palazzo di Bonifacio VIII di Anagni, da tre secoli custodito dalle Suore Cistercensi della Carità, venne edificato nel XII secolo e in origine appartenne alla famiglia dei Conti. Fu abitato da Papa Gregorio IX (Ugolino Conti) che il pri­mo settembre 1230 vi ospitò Federico II...  Leggi articolo

Copyright © 2017. www.accademiabonifaciana.eu. Designed by A. Raggi

Box

Registrati

*
*
*
*
*

Fields marked with an asterisk (*) are required.