Registrati
Compiti dei Delegati e delle Delegazioni

In tutte le Regioni dello Stato Italiano e nei Paesi Esteri, può essere istituita dal Presidente dell’Accademia Bonifaciana, apposita Delegazione.
La costituzione potrà essere effettuata anche con carattereinterregionale, interprovinciale e provinciale.
La figura del Delegato è cosi ripartita: Delegato Nazionale, Delegato Ispettore (interregionale), Delegato Regionale, Delegato Interprovinciale, Delegato Provinciale.
Il Presidente, può nominare altresì Delegati di settore con mandato specifico per l’effettuazione deicompiti loro affidati in ausilio e diretta collaborazione con la Presidenza, il Consiglio Direttivo, ilComitato Scientifico, la Giuria e la Consulta Generale.
Ogni Delegazione nazionale, interregionale, regionale, interprovinciale o provinciale, è presieduta da un Delegato nominato dal Presidente su proposta dello stesso o su segnalazione del Consiglio Direttivo, ovvero dei membri della Delegazione interessata a maggioranza semplice o da almeno tre membri del Comitato Scientifico.
Tutti i Delegati (di ogni ordine e grado) durano in carica tre anni e possono essere confermati o radiati anche durante il mandato, per indegnità o dimissioni. La loro funzione viene esercitata a titolo gratuito con carattere di volontariato.
La Delegazione non ha gestione patrimoniale.


Il Delegato è incaricato di :


- Promuovere gli ideali e gli scopi dell’Accademia in tutti i settori del contesto sociale in cui opera;

- Individuare e proporre soci accademici alla Presidenza, con conseguenti compiti di vigilanza sugli stessi, di reperire le quote d’ammissione ed annuali, contributi volontari da Enti pubblici o privati principalmente per gli scopi assistenziali e successivamente per gli eventi socio culturali della Accademia Bonifaciana stessa;

-Individuare e proporre alla Presidenza,per le successive valutazioni del Comitato scientifico, profili di personalità che si distinguono ed emergano dal contesto sociale per qualità e perseguimento di ideali ed elevati principi, propri dell’Accademia Bonifaciana;

-Essere promotore di ogni opportuno accertamento nell’interesse del sodalizio e dei singoli soci e delle conseguenti segnalazioni alla Presidenza, per i provvedimenti di competenza.

Al Delegato può, eccezionalmente, essere assegnata dal Presidente, su mandato del Consiglio Direttivo,una somma annua, nei limiti strettamente indispensabili, per le eventuali necessarie spese di funzionamento. Della erogazione della somma stessa egli deve rendere conto entro il gennaio dell’anno immediato successivo a quello scaduto. Egli deve, inoltre, presentare al Presidente ed al Consiglio Direttivo una relazione annuale sulla attività svolta dalla Delegazione.

Condividi
 

News

IL PRESIDENTE DELLA CORTE COSTITUZIONALE GIORGIO LATTANZI AD ANAGNI PER RICEVERE IL PREMIO INTERNAZIONALE BONIFACIO VIII

“Ritornando dopo parecchi anni ad Anagni, l’ho trovata sempre più bella ed interessante per i ricordi di Bonifacio VIII e poi naturalmente per i suoi monumenti… Inutile dire che ritornerò presto!”. Così, il Presidente della Corte Costituzionale Giorgio Lattanzi, lasciò scritto nell’albo d’oro dei visitatori della Accademia Bonifaciana di Anagni, lo scorso 14 settembre, quando, in forma privata, accolto dal Rettore Presidente Sante De Angelis, visitò la sede in Via Leone XIII, la Basilica Cattedrale e il Palazzo Papale.

Condividi
Leggi tutto...

la Nostra Sede

L'Accademia Bonifaciana, ha sede presso il palazzo di Bonifacio VIII di Anagni, da tre secoli custodito dalle Suore Cistercensi della Carità, venne edificato nel XII secolo e in origine appartenne alla famiglia dei Conti. Fu abitato da Papa Gregorio IX (Ugolino Conti) che il pri­mo settembre 1230 vi ospitò Federico II...  Leggi articolo

Copyright © 2019. www.accademiabonifaciana.eu. Designed by A. Raggi

Box

Registrati

*
*
*
*
*

Fields marked with an asterisk (*) are required.